Bando per l’individuazione del soggetto fruitore dei finanziamenti raccolti in occasione degli eventi sismici dello scorso anno. ESITO.

Comunicato Stampa

La Federazione degli Ordini degli Architetti dell’Emilia Romagna nel mese di giugno dello scorso
anno ha avviato presso la comunità nazionale degli Architetti, una raccolta di fondi da destinare ad
un intervento di recupero del patrimonio identitario andato perduto con gli eventi sismici del
maggio 2012.
Questa campagna di sottoscrizioni si è chiusa con la raccolta di un importo di € 98.000
proveniente da 40 Ordini Provinciali e da 14 architetti a titolo personale.
Questo importo è stato destinato alla progettazione e realizzazione di un intervento di Restauro dei
Beni Culturali sottoposti a tutela ai sensi del D.Lgs 42/2004 alla data degli eventi sismici.
Per individuare il soggetto, sia esso pubblico o privato, cui destinare i fondi raccolti, si è realizzato
un bando pubblico, pubblicato sul sito della Federazione nel mese di luglio 2013, per individuare al
meglio quella o quelle proposte maggiormente significative.
Sono pervenute n. 3 proposte da parte di:
1) Lodi Agnese – Oratorio Sant’Anna, Cavezzo (Modena);
2) Comune di Camposanto (Modena) – Torre Ferraresi;
3) Comune di Concordia s/S (Modena) – Cimitero Monumentale.
La Commissione selezionatrice composta da:
- Arch. Pier Giorgio Giannelli, Presidente Ordine Architetti P.P.C. Bologna;
- Arch. Walter Baricchi, Presidente Ordine Architetti P.P.C. Reggio Emilia;
- Arch. Gianni Pirani, Presidente Ordine Architetti P.P.C. Ferrara;
- Arch. Sandra Losi, Consigliere delegato Ordine Architetti P.P.C. Modena;
- Arch. Paola Grifoni, Delegato Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici E.R.
(Presidente);
- Arch. Alessandro Marata, Consigliere Consiglio Nazionale Architetti P.P.C.;
- Arch. Piero Orlandi, Delegato Istituto Beni Culturali della Regione Emilia Romagna;
ha ritenuto, secondo i principi esplicitati dal bando di concorso, la proposta pervenuta dal Comune
di Concordia s/S “Ricostruzione dei Portali di Ingresso e Restauro della Cappella dei
Partigiani del Cimitero Monumentale” la più meritevole tra quelle pervenute.
L’erogazione del contributo avverrà secondo le regole contenute nel bando di concorso.

27/06/2013

Ricostruire L’Identità - bando per l’individuazione del soggetto fruitore dei finanziamenti raccolti in occasione degli eventi sismici dello scorso anno

La Federazione degli Ordini degli Architetti dell’Emilia Romagna nel mese di giugno dello scorso anno ha avviato presso la comunità nazionale degli Architetti, una raccolta di fondi da destinare ad un intervento di recupero del patrimonio identitario andato perduto con gli eventi sismici del maggio 2012. Questa campagna di sottoscrizioni si è chiusa in questi giorni con la raccolta di un importo di €. 98.711,51 proveniente da 39 Ordini Provinciali e da 14 architetti a titolo personale.

Questo importo è stato destinato alla progettazione e realizzazione di un intervento di Restauro dei Beni Culturali sottoposti a tutela ai sensi del D.Lgs 42/2004 alla data degli eventi sismici.

Per individuare il soggetto, sia esso pubblico o privato, cui destinare i fondi raccolti, si è preferito realizzare un bando pubblico che possa consentire di valutare al meglio quella o quelle proposte maggiormente significative. A questo scopo sarà formata una commissione selezionatrice formata, oltre che dai Presidenti dei quattro Ordini delle Province Colpite, anche da rapprentanti del Consiglio Nazionale, della Direzione Regionale ai Beni Culturali e dell’Istituto Beni Culturali della Regione Emilia Romagna.

Al termine della selezione sarà individuato un unico soggetto cui destinare i fondi raccolti, ma altre proposte interessanti verranno aiutate nel trovare possibili finanziatori che possano aiutarne la ricostruzione.

Il bando sarà pubblicato sul sito concorsi.archibo.it il giorno 27 giugno, mentre il termine per le presentazioni delle proposte è fissato il giorno 29 agosto.

La Commissione proclamerà l’esito il giorno 10 settembre.